sottobosco: (Default)


Il libro:
Hunger Games. È uno dei pochi libri che è riuscito a piacermi dopo essermi letta di fila la saga di Games of Thrones.
G.R.R. Martin mi ha rovinato: i libri letti successivamente sono sbrigativi, poco dettagliati e confusi. Questa è l’impressione che mi danno dopo un anno passato a Westeros e dintorni.
Eccetto Hunger Games, che è stato una sorpresa. Ne avevo sentito parlare molto bene ma conoscendo la trama solo a grandi linee ero convinta che fosse basato su patemi amorosi adolescenziali messi furbamente all’intero di uno scenario cruento.
Niente di più sbagliato: il mondo di Panem è ben delineato, gli eventi scorrono secondo una sequenza logica, non si ha l’impressione di forzature per ficcare i protagonisti in determinate situazioni. È presente però qualche coincidenza di comodo per far progredire la trama, ad esempio quando la protagonista ha necessità di distruggere le scorte nemiche e, guarda caso, questi ultimi hanno minato la propria base.
Lo stile di scrittura, in prima persona, è secco e asciutto e le reazioni dei personaggi sono realistiche. La fantomatica storia d’amore che ci dovrebbe essere è decisamente quanto di più atipico abbia mai letto, un punto a favore e una ventata di freschezza per quanto drammatica.
La spettacolarizzazione mediatica del reality è descritta e resa molto bene. Una critica alla società non indifferente.

Il film:
Il film l’ho visto dopo aver letto il libro. Tranne che per qualche dettaglio è molto fedele alla trama. Tento di pensare a cosa avrei capito delle motivazioni dei protagonisti se non avessi letto il libro ma non ne sono in grado. Quindi a parte dire che mi è piaciuto molto non riesco a trovare difetti o buchi di trama. Forse un po’ sbrigativo sul finale, magari per chi non ha letto il libro non viene reso abbastanza bene perché Katniss venga trasformata da donna a bambolina sognante (o forse sì?). Una gradita aggiunta invece il discorso del presidente sulla speranza e sulla necessità di un vincitore, che nel libro manca.
Molto ben resa tutta la parte del reality fra interviste e studi televisivi. Trovo che l’escamotage per spiegare allo spettatore cosa stia succedendo tramite i conduttori televisivi sia ben integrato con il resto della trama. Nel libro il lettore impara tutto grazie ai pensieri della protagonista ma nel film hanno scelto una buona alternativa.

Consiglio sia la lettura del libro sia la visione del film (quest’ultimo però dopo aver letto il libro).
sottobosco: (Default)
L'Androide Abram Lincoln

Non mi è piaciuto, non ho molto altro da dire. Dick o non Dick stavolta mi sono annoiata. È colpa dello stile di scrittura: scoordinato, distraente, dialoghi fatti di frasi buttate a caso, reazioni agli eventi da parte dei protagonisti estratte a sorte dal sacchettino.
L’ho letto in traduzione, quindi – magari – posso conservare l’illusione che in lingua madre la storia faccia un effetto migliore.
Il tema portante del romanzo è la schizofrenia e lo stile di scrittura lo rispecchia in pieno, sarà fatto apposta per dare al lettore un’esperienza a tutto tondo? Magari si tratta di un esercizio di stile, o magari si tratta soltanto di confusione e basta.
Dick stesso ha sofferto di schizofrenia, quindi è interessante leggere sull’argomento da chi ha avuto un’esperienza diretta. Penso che sia per questo che vale la pena leggere il libro, malgrado a me personalmente continui a non piacere.
Le recensioni sono discordanti: c’è chi lo osanna e c’è chi invece lo trova brutto, ma per non stroncarlo si limita ad un più diplomatico: "non è l’opera migliore di Dick".
Ammetto che potrebbero esserci paragrafi splendidi se solo fossero scritti meglio. Ad esempio è affascinante il momento in cui l’androide Lincoln prende vita, specialmente perché descritto attraverso gli occhi e le emozioni del protagonista.
Penso che sia questo ad amareggiarmi maggiormente: ciò che avrebbe potuto essere. O forse ciò che è esattamente così come è, e sono io che non riesco a capire; perché alla fine è sempre Dick, e nemmeno io riesco a stroncarlo.

L'Androide Abramo Lincoln
sottobosco: (immagine6)
"Ogni volo ha inizio con una caduta"
- Il Corvo con Tre Occhi
sottobosco: (Default)
Gioia e perplessità. Finalmente qualcuno ha pensato di farne un film, spero che siano riusciti a rendere l'atmosfera giusta perché non è affatto semplice.
In ogni caso non vedo l'ora di vederlo. Però prima mi dovrei rileggere il libro dato che sono passati un bel po' di annetti...

IL-PARADISO-DEGLI-ORCHI_14_11_2013
sottobosco: (Default)
L’unica vera recensione di questo libro è: leggetelo.
La pappardella che segue sono solo considerazioni personali.

hyperion



Su un’astronave-albero ci sono un prete, un soldato, un teologo, un investigatrice, un poeta, un console e un templare. Sembra l’inizio di una barzelletta ed invece si tratta di un libro di fantascienza di alto livello: Hyperion.
Hyperion relega la maggior parte dei libri che ho letto al ruolo di favolette. Per questo è difficile farne una recensione che non sembri la pubblicità esagerata di una quarta di copertina.
L’impianto del libro è classico: sette personaggi costretti ad un periodo di convivenza forzata raccontano la propria storia. I sette, ognuno per un motivo diverso, stanno compiendo un pellegrinaggio alle Tombe del Tempo per incontrare una terribile e semi-mitologica creatura chiamata Strike, con la consapevolezza che le probabilità di uscirne vivi sono ridotte al minimo. La forza di Hyperion sta nelle storie raccontate dai protagonisti, nella bravura dell’autore di creare mondi e atmosfere; storie mai facili, drammatiche, originali ed evocative.
Leggiamo così le vicende dei pellegrini ed è impossibile sceglierne una e dire: “questa è la mia preferita”. Quando leggiamo la storia del prete sentiamo la voce del prete, quando leggiamo la storia del soldato sentiamo la voce del soldato, e così via, senza che la voce dell’autore si intrometta con le su convinzioni personali o con giudizi annidati fra le righe – nessun facile moralismo – e per scrivere in questo modo ci vuole una grande capacità di immedesimazione. L’unico appunto che posso fare è che, fra tutte le storie, quella dell’investigatrice e la più classica e già vista ma questo non toglie forza al personaggio.
Altro punto che ho apprezzato è l’inserimento nella trama del Debito Temporale, ossia chi viaggia sulle astronavi è sottoposto ad uno scorrere del tempo differente da chi sta fermo su di un pianeta (se sull’astronave sono passati tre mesi, sul pianeta sono passati cinque anni). È il primo libro di fantascienza che leggo che non sorvola sulla relatività ma ne fa il proprio punto di forza.
Difetto: la narrazione è talvolta interrotta dall’inserimento di una poesia. È una cosa che non mi è mai piaciuta a meno che non sia necessario citarne brevi versi a beneficio della trama e qui non succede. L’autore è un fan del poeta Keats e abusa – a mio gusto – di questi inserti. So che le poesie di Keats sono bellissime ma purtroppo la traduzione in lingua italiana le massacra e per me povera lettrice non ferrata in materia si sono rivelate solo una distrazione e non un valore aggiunto.
Hyperion si conclude con un finale aperto che trova piena conclusione nel libro successivo: La Caduta di Hyperion. Tuttavia è uno di quei finali aperti che reputo ben fatto, mi avrebbe soddisfatto anche senza un seguito perché a volte non è importante tanto la destinazione quanto i compagni di viaggio.
sottobosco: (Default)
La Campana dell'Arciprete: saga contadina con delitto - di Danila Comastri Montanari



"Se vuoi veder l'inferno, Bologna d'estate, Bologna d'inverno"


E' il primo libro che ho letto da pendolare, durante il tragitto giornaliero dalla mia nuova casa al mio solito lavoro, ed ero ancora così distratta dalla nuova esperienza da non avergli prestato la dovuta attenzione. E' inoltre uno degli ultimi libri in versione cartacea che ho letto prima dell'acquisto dell'e-reader, ma niente di questo ha nulla a che fare con la trama o una recensione seria sull'intreccio o lo stile di scrittura. Non è però mia intenzione fare una recensione tecnica, anche perché scrivo queste righe a un anno o più dalla lettura pertanto devo andare a ripescare nella memoria le informazioni; tuttavia anche internet aiuta e chi fosse interessato ad un riassunto fatto bene lo può trovare senza problemi: http://www.oocities.org/athens/oracle/6791/arci-italiano.htm>.
Si tratta di un giallo, il periodo storico è quello della restaurazione pontificia ed il protagonista è un prete in là con gli anni, saggio e buono d'animo, amante della buona tavola, disinteressato di politica e di giochi di potere. Un giorno viene trovato il cadavere di una giovane donna in cima alla torre campanaria, la figlia nubile del mezzadro che gestisce il più bel podere dei dintorni. Il problema è che la giovane era incinta e trovare l'assassino non è cosa semplice dato che la lista dei sospetti si allunga sempre di più ad ogni voltata di pagina. Toccherà al prete ed al suo amico-rivale, un medico ghibellino, sbrogliare la matassa.
I personaggi descritti nel libro sembrano veri se teniamo conto della mentalità del tempo. Mi è piaciuto che l'autrice non tenti di appiccicare un comportamento moderno ai suoi protagonisti, non scriva di contadini e manovali con mente aperta o più colti di quel che avrebbero mai potuto essere per "destino di nascita"; né tantomeno di nobili che rinunciano al loro snobismo nei confronti di plebe o parvenu. Per paradosso è il fatto che il personaggio del contadino sembri la macchietta del contadino e il personaggio della contessa sembri la macchietta della contessa a renderli più veri.
Un'altra abilità della Montanari è riuscire a rendere la parlata e la cadenza della regione. Tutti i dialoghi sono in italiano, del dialetto ci sono solo pochi termini sparsi qua e là, tutta via c'è una "cadenza" nel parlato da renderlo caratteristico e riconoscibile.
L'intreccio giallo non è il pezzo forte del libro, non è stata la curiosità di scoprire l'assassino a farmi continuare a leggere ma la ricostruzione dello spaccato di vita della bassa bolognese. Molto azzeccato anche il protagonista, un personaggio verso il quale è impossibile non provare comprensione ed empatia.

P.S.: La citazione all'inizio della recensione viene proferita dal protagonista quando si reca in città ed è riferita al clima umido che rende insopportabile il caldo estivo ed il freddo invernale.
sottobosco: (Default)
Titolo trovato in esposizione ad una mostra e degno di essere fotografato :-)

sottobosco: (Default)
A meme from: [personal profile] space_oddity_75 and [personal profile] florealpolla

Grab the nearest book. Flip to page 45. The first sentence describes your sex life for the next twelve months.

Ecco la soluzione, mi devo preoccupare? O_o

Un pertugio di pochi centimetri dal suolo. Qualcuno ha già provato a passare da qui.
"Impossibile" interviene Charlie. "Non c'è spazio."
"Dall'altra parte c'è un dispositivo per aprire"
(Il codice del quattro di Ian Caldwell e Dustin Thomason)
sottobosco: (Default)
Sapevo che il cyberpunk non era il mio genere ma ho voluto sperimentare comunque. Non voglio continuare ad associarlo a filmacci di serie B, lo voglio leggere dalla penna di chi l'ha creato - o perfezionato.
Neuromante è un classico, non mi dilungo a descriverne la trama: si può trovare su wikipedia o altri siti dedicati. Pertanto queste sono solo impressioni personali e non una vera recensione - tuttavia può contenere spoiler.

bla bla bla cyberbla )
sottobosco: (Default)
La promozione sta per scadere, ma voglio segnalare l'iniziativa.
Questo scrittore ha deciso di regalare la versione e-pub del suo ultimo libro come trovata di marketing. Bravo!
Per avere l'e-book gratis bisogna iscriversi al suo forum. Non c'è bisogno di dirlo: usate l'indirizzo e-mail destinato allo spam.

Qui le spiegazioni di come fare:

http://stefanovisona.it/nontisvegliare/

Una piacevole sorpresa. Perché lo fa? Perché ormai ha già venduto un sacco di copie cartacee e vuole sperimentare questo tipo di promozione come pubblicità per i prossimi libri. E' un modo per allargare il bacino di utenza, utilizzando i lettori "a sbafo" come passaparola (in effetti come sto facendo io con questo post). Prima di leggere di questa promozione non avevo idea di chi fosse questo tizio, adesso invece ne leggerò il libro (se Calibre non mi tradisce: è nel formato di Amazon).
sottobosco: (Default)
Sembra una figata pazzesca (e legge qualsiasi cosa!), magari fra un anno ce ne saranno a prezzi più abbordabili. L'unico "difetto" è che essendo un 9' è poco pocket ma è pensato più per lo studio che per la lettura di libri:

http://www.ebook-reader.it/news/il-jetbook-color-di-ectaco-e-disponibile-al-preorder/
sottobosco: (immagine7)
Suggerimenti di lettura libri:

La saga dei lungavista: l'apprendista assassino
sottobosco: (Default)
E' arrivato l'e-reader. Non volendo avere problemi di formato ho preso una marca consigliatami da un'amica che si trova bene: la bookeen.
Cercando delle recensioni su internet ho trovato il confronto fra il Cybook Orizon (che è nella fascia di prezzo che mi posso permettere) e il Sony PRS 650.
I due modelli sono diretti concorrenti ma hanno funzioni diverse, ognuno ha qualcosa in più che all'altro manca - le recensioni erano però concordi che il Sony fosse il migliore. Mi ero convinta a comprare il Sony quando confrontando i prezzi ho visto che il Cybook lo potevo acquistare a 50,00 euro in meno rispetto al Sony, così sono tornata sui miei passi e ho preso il Cybook.
A listino il Sony costa 20,00 euro più del Cybook e mi stava bene, ma 50,00 euro sono già una somma che può farmi tornare sui miei passi.
Sony ha fatto questa mossa, non si sa se per ragioni di marketing o per altri problemi legati alla produzione: non ha commercializzato l'e-reader PRS650 per un mese o circa e i negozi ne sono rimasti sprovvisti. Adesso l'ha rilanciato sul mercato, il modello non ha subito migliorie ma si trova solo a prezzo pieno o con poco sconto. Il Cybook al contrario ha già subito ribassamenti di prezzo.
Devo ancora collegarlo ad internet per tirare giù gli ultimi aggiornamenti e vedere se migliora.
Non ho ancora iniziato a leggere seriamente, sto ancora facendo esperimenti ma per ora la cosa che mi manca di più è l'assenza dei dizionari integrati che forniscono la traduzione simultanea dei testi in inglese. Trovo che questo sia il difetto maggiore.
Non mi dilungo sulle caratteristiche tecniche che possono essere lette direttamente sul sito ufficiale: http://www.bookeen.com/it/cybook/?id=2
Però ho voluto fare un video di unboxing (il mio primo!) non particolarmente spigliato o brillante nei dialoghi, però spontaneo anche se ho tagliato le parti in cui proprio mi sono resa conto di aver preso fischi per fiaschi.
Eccolo qui:

CHIACCHIERE

Jan. 1st, 2009 10:22 pm
sottobosco: (Default)
AGGIORNAMENTO LIBRI:
Ho appena finito il primo di "Artemis Fowl" (giudizio: divertente) ed ora sto leggendo "L'Ombra del Vento" di Carlos Luis Zafon (giudizio: intrigante).

TELEFILM:
Ho appena finito di guardare la seconda stagione di "Torchwood" e la prima stagione di "True Blood" (che finisce con un cliffhanger, MALEDETTI!! ed io che ero così contenta che fosse una mezza stagione... nella vana speranza che la storia non venisse trascinata per più puntate del necessario).
Inoltre ho guardato tutta di fila la prima e la seconda stagione di "The big bang theory".

Sto guardando: "Ashes to Ashes" (sono più o meno a metà);
"Terminator the Sarah Connor cronicles prima stagione (sono all'inizio);
"Prison Break" seconda stagione (all'inizio anche di questa).
"My Name is Earl" seconda stagione (me ne guardo una puntata ogni tanto, quando posso dedicargli abbastanza attenzione perché continua a divertirmi);
"Farscape" terza stagione (sono rimasta un po' indietro, mi sto guardando troppi telefilm contemporaneamente);
"Galactica" terza stagione;
"Jericho" (che però non mi esalta ma ormai ce l'ho e voglio vedere come va a finire);

Prossimi telefilm in lista che sto iniziando a vedere:
"Boris" prima stagione;
"Heroes" seconda stagione;
"Hercules" prima stagione;
"Eureka" prima stagione;
"Joan of Arcadia" prima stagione;
"Dexter" seconda stagione;
"The Shield" sesta stagione;
"Blood Ties" prima stagione;
"The middle man" (le prime puntate per vedere com'è).

Profile

sottobosco: (Default)
sottobosco

August 2015

S M T W T F S
      1
2 3 45678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Syndicate

RSS Atom

Tags

Style Credit

Expand Cut Tags

No cut tags
Page generated Sep. 20th, 2017 09:08 am
Powered by Dreamwidth Studios